ANTEA FINALMENTE
 TI HO TROVATA

Original ”Antea” Francesco Mazzola, Parmigianino, 1535

"Antea Finalmente Ti Ho Trovata"

Photographic Collage, 2021 Print on Brushed Aluminum 100x121,8 cm

"Antea Finally I Found You" is a work that was born from the encounter of the artist Cristina Burns with the original painting by Francesco Mazzola known as Parmigianino, exhibited at the National Museum of Capodimonte in Naples. The artist, literally struck by Antea's gaze, felt the need to deepen her knowledge of this extraordinarily beautiful work which, traveling through the centuries, has come down to us. The history of the painting is also interconnected with the incredible feat of Rodolfo Siviero, an Italian secret agent, art historian and intellectual who, with great tenacity, managed to find many of the treasures stolen by the Nazis during the Second World War. And it is thanks to Siviero and the other Italian and allied “Monuments Men” that the world can still contemplate the beauty of many rediscovered masterpieces, including Parmigianino's “Antea”.
“Antea finally I found you” is a photographic collage printed on brushed aluminum, developed through a superimposition of images.
The Alps that form the background of the picture, represent the place where the work was hidden and the many clouds in the blue of the sky, are there to symbolize the passing of time.
In the work of Cristina Burns, the frame dissolves and Antea takes the opportunity to get out of the original painting.

“Antea Finalmente Ti Ho Trovata” è un’opera che nasce dall’incontro dell’artista Cristina Burns con il quadro originale di Francesco Mazzola detto il Parmigianino, esposto al Museo Nazionale di Capodimonte a Napoli.  L’artista, letteralmente folgorata dallo sguardo di Antea, ha sentito l’esigenza di approfondire la conoscenza di quest’opera di straordinaria bellezza che, viaggiando attraverso i secoli, è giunta fino a noi. La storia del quadro è anche interconnessa all'incredibile impresa di Rodolfo Siviero, agente segreto, storico d’arte e intellettuale italiano il quale, con grande tenacia, è riuscito a ritrovare molti dei tesori trafugati dai nazisti, durante la Seconda Guerra Mondiale. Ed è grazie a Siviero e agli altri “Monuments Men” italiani e alleati, che il mondo può ancora contemplare la bellezza di tanti capolavori ritrovati, fra cui anche “Antea” del Parmigianino. 

“Antea finalmente ti ho trovata” è un collage fotografico stampato su alluminio spazzolato, sviluppato attraverso una sovrapposizione di immagini.  

Le Alpi che fanno da sfondo al quadro, rappresentano il luogo dove l’opera fu nascosta e le tante nuvole nell’azzurro del cielo, sono lì a simboleggiare il tempo che scorre. 

Nell’opera di Cristina Burns, la cornice si dissolve ed Antea ne approfitta per uscire dal quadro originale. 

Più che di abiti, Antea amava vestirsi di innata eleganza che esprimeva particolarmente dai gioielli che indossava, ed è un anello dal disegno senza tempo, in questa nuova opera, ad impreziosirne la figura.

Originale ”Antea” Francesco Mazzola, Parmigianino, 1535

Collage Fotografico, 2021 Stampa su Alluminio Spazzolato 100x121,8 cm

Original "Lucrezia ” Francesco Mazzola, Parmigianino, 1540

 "Lucrezia"

Photographic Collage, 2021,  Print on Brushed Aluminum


Original "San Michele Arcangelo", Luca Giordano 1663

"San Michele Arcangelo"

Photographic Collage, 2021, Plexiglass Layers


Original "Madonna della Purità", Dirk Hendricksz 1574 -1606

"Gamut"

Photographic Collage, 2021 Print on Brushed Aluminum

YOU MAY ALSO LIKE

Back to Top